Come gestire gli errori evidenti nelle quote delle scommesse sportive?

Gli errori evidenti nelle quote delle scommesse sportive sono complicati in Italia, con una posizione conservatrice dell’autorità italiana per il gioco d’azzardo che i tribunali hanno contestato in casi recenti.

La posizione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sugli errori nelle quote delle scommesse

L’Autorità italiana per il gioco (ADM) aveva ritenuto nel 2013, in merito alle controversie relative a scommesse affette da errori evidenti nelle quote, che la scommessa dovesse essere in ogni caso pagata, poiché ciò rientra nel rischio d’impresa del bookmaker. Questa posizione è rafforzata dalla disposizione del decreto italiano sulle scommesse in base alla quale le scommesse registrate dal sistema ADM sono considerate valide. Inoltre, in alcuni casi, ADM ha ritenuto che l’errore nelle quote non fosse chiaramente riconoscibile in quanto non era evidente e non era possibile valutare la posizione psicologica dei giocatori al momento della scommessa.

Tale posizione aveva creato, e sta tuttora creando, notevoli problemi agli operatori che vengono “ricattati” dai giocatori che cercano di trarre vantaggio dal suddetto principio, richiedendo il pagamento delle vincite anche quando l’errore è chiaramente riconoscibile.

Gli operatori devono decidere se affrontare un procedimento giudiziario o trovare un potenziale accordo.  Tuttavia, la posizione assunta dai tribunali italiani in materia nelle recenti decisioni dovrebbe aiutarli notevolmente.

I recenti casi giudiziari sugli errori evidenti nelle quote delle scommesse sportive

Secondo il codice civile italiano, in caso di errori

  • su una clausola essenziale di un contratto (come sarebbe la quota per le scommesse)
  • che siano chiaramente riconoscibili dall’altra parte (ad esempio dai giocatori in caso di errori significativi nelle quote)

il contratto (cioè la scommessa) può essere annullato con la semplice restituzione conseguente dell’importo scommesso.

L’applicabilità delle regole sull’errore agli errori evidenti nelle quote delle scommesse sportive in Italia è stata confermata dal Tribunale di Rimini nella sentenza del 29 giugno 2015, successivamente confermata dalla Corte d’Appello di Firenze nella sentenza dell’11 luglio 2017. Il Tribunale, in particolare, ha osservato che “una cosa è il rischio, un’altra è l’applicabilità della disciplina dell’errore, disciplina che non è esclusa in relazione a contratti che presentano elementi di rischio, come quello di un contratto di scommessa. Pertanto, deve essere garantito il pagamento ai vincitori, ma – allo stesso tempo – deve essere escluso che i giocatori possano sfruttare evidenti errori (o addirittura comportamenti fraudolenti) nella predisposizione o nella comunicazione delle quote“.

Pertanto, secondo il tribunale, la scommessa non era valida e il giocatore aveva approfittato di un errore che aveva chiaramente riconosciuto. Di conseguenza, la scommessa doveva essere annullata e l’importo della scommessa doveva essere rimborsato.

Tale decisione è stata emessa nonostante la commissione dell’ADM incaricata di risolvere le controversie sulle scommesse sportive avesse ritenuto che, in base alla legge italiana sui giochi, la scommessa dovesse essere pagata, indipendentemente dalla quota chiaramente errata.

La questione è ora ancora più interessante poiché la posizione del Tribunale di Roma è stata confermata anche dalla Corte d’Appello, che ha aggiunto che i principi generali del diritto civile, come l’articolo del codice civile italiano che tratta degli errori di cui sopra, prevalgono sulle disposizioni relative ai giochi. Lo stesso punto di vista è stato adottato in una controversia analoga del 2014 che coinvolgeva operatori diversi.

Inoltre, in entrambi i casi, il tribunale ha obbligato l’attore (cioè i giocatori) a pagare le spese giudiziarie, il che dovrebbe servire a disincentivare i giocatori dall’avviare questo tipo di controversie.

Cosa succederà ora?

Nonostante queste decisioni giudiziarie, l’autorità italiana per il gioco d’azzardo non ha emesso alcuna posizione ufficiale che inverta la circolare del 2013. Inoltre, si fa ancora riferimento a tale circolare quando i giocatori segnalano loro alcuni casi di vincite non pagate a causa di quote evidenti di scommesse sportive.

In alcuni casi, gli operatori preferiscono risolvere la controversia piuttosto che affrontare un contenzioso giudiziario. Tuttavia, questo approccio alimenta ulteriori controversie, poiché esistono gruppi di giocatori che monitorano il web per cogliere errori evidenti e approfittarne. È consigliabile adottare un approccio rigoroso per limitarne la diffusione ed evitare che gli operatori diventino vittime dei comportamenti scorretti dei giocatori.

La posizione di ADM potrebbe cambiare dopo che gli stessi principi sono stati applicati anche ad errori nella attribuzione di jackpot generati da videolottery di cui abbiamo discusso nel seguente articolo “Vincita di un jackpot VLT da € 500K annullata perchè dovuta ad un malfunzionamento”.