by

Con comunicato stampa del 27 novembre 2023, l’Organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche (Body of European Regulators for Electronic Communications – BEREC) ha reso noto di aver avviato una consultazione pubblica sulle comunicazioni machine-to-machine (M2M) e sul roaming permanente.

Il BEREC è un organismo indipendente – istituito con il Regolamento (CE) n. 1211/2009 – i cui componenti (uno per ciascuno Stato membro dell’UE) provengono dalle varie Autorità di regolazione per le comunicazioni elettroniche nazionali. Il principale obiettivo perseguito dal BEREC è quello di garantire un’attuazione coerente del quadro normativo delle comunicazioni elettroniche nell’UE.

Come si apprende dal comunicato stampa, la consultazione in oggetto muove dalla considerazione secondo cui il roaming permanente sta assumendo un’importanza sempre maggiore in relazione alle comunicazioni machine-to-machine (M2M) e Internet of Things (IoT) in quanto molti dispositivi per lunghi periodi restano connessi a reti al di fuori del proprio paese o della propria rete di origine.

Con l’espressione “roaming permanente” ci si intende riferire a un servizio che offre la possibilità di usufruire della connettività dati a livello internazionale senza restrizioni temporali e con quella di comunicazioni “machine-to-machine” ci si intende riferire a servizi di comunicazione non interpersonale che prevedono il trasferimento di informazioni tra dispositivi e applicazioni in maniera prevalentemente automatizzata e senza (o con una marginale) interazione umana.

Con la consultazione pubblica in commento, in linea con il suo programma di lavoro per il 2023, il BEREC intende investigare gli sviluppi relativi alle tematiche sopra citate con l’obiettivo di pervenire alla redazione di un report relativo alle comunicazioni machine-to-machine e al roaming permanente (“Report on M2M and permanent roaming”). Come si apprende dal comunicato stampa, il BEREC prevede di pubblicare un draft report per il mese di giugno 2024.

La consultazione pubblica in commento è volta a raccogliere i contributi dei partecipanti sottoponendo loro sia quesiti di carattere generale – rivolti a tutti i partecipanti – sia domande diversificate in base alle caratteristiche dei rispondenti.

Più nello specifico, la consultazione pubblica prevede quesiti differenti a seconda che il partecipante alla consultazione sia (i) un “access seeker“, ossia un operatore che richiede servizi di roaming all’ingrosso da fornire i propri clienti che utilizzano dispositivi machine-to-machine al di fuori del loro paese di origine; ovvero (ii) un “access provider”, quindi un operatore di rete mobile (Mobile Network Operators – MNO) che fornisce l’accesso a tali dispositivi machine-to-machine utilizzati all’estero.

I soggetti interessati a partecipare alla consultazione potranno presentare i propri input entro il 26 gennaio 2024.

Su un simile argomento può essere di interesse: “Il Report del BEREC sull’Internet Ecosystem

Autrici: Flaminia Perna e Matilde Losa

(Visited 53 times, 1 visits today)
Close Search Window