by

Una recente decisione di un tribunale austriaco sulla qualificazione delle loot boxes come gioco d’azzardo potrebbe portare a pericolose conseguenze per il settore dei videogiochi.

A partire dalle prime sentenze della Corte suprema sul gioco d’azzardo e sul monopolio austriaco prevalente nel 2016, i tribunali austriaci sono stati sommersi da cause intentate da giocatori che volevano recuperare le loro perdite di gioco da operatori di gioco d’azzardo stranieri (non in possesso di una licenza nazionale). Questo porta anche altri querelanti e tribunali a valutare – oltre al recupero delle perdite del gioco d’azzardo nei casinò – la recuperabilità delle puntate nelle cosiddette loot box dei videogiochi.

In tutta Europa sono stati sollevati dubbi sul fatto che le loot boxes debbano essere classificate come giochi d’azzardo. La conferma di ciò comporterebbe presumibilmente l’applicabilità delle normative nazionali sul gioco d’azzardo nella maggior parte delle giurisdizioni. Le loot boxes hanno innegabilmente un elemento aleatorio, in quanto producono oggetti randomizzati di cui non si conosce il contenuto. L’algoritmo del videogioco decide casualmente quale “classe di qualità” di beni virtuali (beni virtuali comuni o rari) il giocatore riceverà dal loot boxes. Di conseguenza, ad esempio, le autorità olandesi e belghe (a seconda del progetto specifico) hanno classificato le loot boxes come giochi d’azzardo. Sono quindi soggette alle rispettive normative sul gioco d’azzardo.

Nel frattempo, un tribunale distrettuale austriaco si è pronunciato in prima istanza a favore di un giocatore che voleva reclamare le sue giocate sulle loot boxes contestandone la qualifica come gioco d’azzardo. Il tribunale ha ritenuto che i pacchetti di loot boxes FIFA Ultimate Team (“FUT”) siano una forma di gioco d’azzardo. In assenza di una licenza nazionale per il gioco d’azzardo, la Corte ha dichiarato nulli i contratti stipulati tra il giocatore e publisher per l’acquisto di punti FIFA per ottenere i pacchetti FUT. Pertanto, il publisher dovrà restituire il denaro ricevuto dal giocatore. Tuttavia, la sentenza non è ancora definitiva, poiché il publisher può ancora ricorrere in appello.

I videogiochi online di per sé non sono generalmente soggetti alle disposizioni in materia di monopolio e licenze previste dalla legge austriaca sul gioco d’azzardo, che hanno lo scopo di proteggere i giocatori e prevenire la dipendenza dal gioco. Tuttavia, come ha stabilito la Corte distrettuale austriaca, le loot boxes possono essere considerate giochi d’azzardo ai sensi dell’ampia definizione di gioco d’azzardo contenuta nella legge austriaca sul gioco d’azzardo.

Sebbene sia chiaro che il risultato dei pacchetti FUT acquistati con denaro reale sia determinato principalmente dal caso, è lecito chiedersi se vi sia una “perdita” totale della posta in gioco, considerando che il giocatore riceve determinati beni virtuali per la posta in gioco. Tuttavia, secondo la giurisprudenza dell’Alta Corte austriaca, è sufficiente che il valore delle vincite sia inferiore all’importo investito, il che indicherebbe nuovamente una classificazione come gioco d’azzardo.

Anche se le loot boxes sarebbero classificate come un gioco d’azzardo in Austria, la sezione 4, paragrafo 1, della legge austriaca sul gioco d’azzardo prevede un’eccezione per i giochi d’azzardo a scopo di divertimento e per puntate di modesta entità (fino a 10 euro secondo la giurisprudenza austriaca). In questo caso, non sarebbe necessaria alcuna licenza per offrire le loot box in Austria.

In caso di classificazione come gioco d’azzardo, ciò avrebbe conseguenze di vasta portata, in quanto non solo i contratti sarebbero nulli. Le puntate dovrebbero essere rimborsate, ma i fornitori in Austria sarebbero anche soggetti all’imposta sul gioco d’azzardo (online) pari al 40% dei ricavi lordi del gioco d’azzardo (GGR – puntate meno vincite).

Le incertezze legali che circondano la classificazione delle loot boxes come giochi d’azzardo sottolineano la necessità di una regolamentazione, non da ultimo a causa delle disposizioni penali della legge austriaca sul gioco d’azzardo per l’offerta di giochi d’azzardo senza una licenza nazionale.

Su un tema simile, è interessante il seguente articolo “AGCM definisce nuovi standard di trasparenza per i videogiochi contenenti loot boxes“.

(Visited 161 times, 1 visits today)
Close Search Window