by

Il nuovo social media di Meta, Threads, è stato appena lanciato, ma non sia disponibile in Europa. Ciò è dovuto ad alcuni aspetti normativi che abbiamo cercato di affrontare in questo articolo che fa anche luce sul dibattito politico tra UE e USA.

Negli ultimi giorni, tutti gli operatori del settore dell’innovazione hanno parlato del lancio del nuovo social media Threads, la risposta di Meta a Twitter, che si prevede accenderà ancora di più il conflitto tra Mark Zuckerberg ed Elon Musk. Probabilmente non avremo un combattimento di MMA tra i due miliardari al Colosseo, ma non c’è dubbio che il conflitto tra i due si stia intensificando.

Gli utenti europei, o meglio dell’UE, non possono assistere pienamente alle diverse fasi del conflitto perché “Threads” NON è attualmente disponibile nell’Unione europea. Meta non ha espresso una posizione ufficiale sulla questione, ma alcuni portavoce hanno fatto genericamente riferimento alla legislazione che dovrebbe entrare in vigore nel 2024 e che limita la cosiddetta fuga di dati.

Gli esperti di diritto dell’innovazione hanno subito collegato il riferimento all’imminente entrata in vigore degli obblighi previsti dal nuovo Digital Markets Act (DMA), che prevede nuovi obblighi onerosi per le big tech, al fine di aumentare la trasparenza e l’equità in un mercato che, secondo la Commissione Europea, è dominato dai cosiddetti gatekeeper. Queste aziende agiscono come intermediari e talvolta operano come punti di accesso a Internet con una condotta che potrebbe essere considerata anticoncorrenziale.

Non si tratta solo di social media, ma anche di motori di ricerca, servizi di intermediazione online e servizi di condivisione video, e l’elenco è piuttosto lungo, ma la caratteristica principale è che questi attori devono avere almeno 45 milioni di utenti finali europei attivi mensilmente e 10 mila utenti business attivi su base annuale.

Ma torniamo al motivo per cui Meta non ha ancora lanciato Threads nell’Unione Europea. Il Digital Markets Act include tra i suoi obblighi per i gatekeeper (che è una categoria in cui rientra Meta) il divieto di combinare i dati degli utenti finali con i dati raccolti nell’ambito della fornitura di altri servizi, propri o di terzi, senza il consenso al trattamento dei dati da parte degli utenti finali. Il consenso deve essere libero, informato, specifico e non ambiguo.

Qui sorge il problema. Meta richiede agli utenti di accedere al loro profilo Instagram per creare un profilo su Threads. Quindi, la creazione di un profilo su Instagram è necessaria per creare un profilo su Threads. Inoltre, è possibile importare i contatti di Instagram in Threads. Tuttavia, la cosa più notevole è la potenziale importazione da Instagram a Threads delle preferenze del profilo dell’utente. Infatti, secondo la dichiarazione del CEO di Instagram Adam Mosseri nel podcast del New York Times, The Hard Fork, al momento Instagram non può escludere completamente la fuga di dati tra i due prodotti senza il consenso dell’utente.

Le disposizioni del DMA entreranno in vigore all’inizio del 2024, con sanzioni che possono arrivare fino al 10% del fatturato totale annuo a livello mondiale. Inoltre, la sanzione può essere aumentata fino al 20% del fatturato annuale globale in caso di recidiva.

Alcuni potrebbero pensare che queste sanzioni saranno sempre sproporzionate rispetto ai guadagni di queste grandi aziende. Ma è anche vero che Meta è già stata sanzionata per 1,2 miliardi di euro per aver trasferito dati personali al di fuori dello Spazio Economico Europeo in violazione del GDPR dall’Autorità irlandese per la privacy. Quindi le sanzioni stanno diventando costose anche per i parametri di una big tech.

L’ambiente politico europeo tra l’UE e le big tech si sta certamente animando perché, dopo questa sanzione, la Commissione Europea ha approvato – con una rapidità imprevista e contro la posizione del Parlamento Europeo e dei garanti della privacy dell’UE – la decisione di adeguatezza sul trasferimento di dati personali verso gli Stati Uniti che ora diventerà gratuito se si tratta di entità certificate.

Non c’è dubbio che siano in corso trattative tra le autorità politiche dell’UE e degli Stati Uniti. Google ha lanciato il suo sistema di intelligenza artificiale nell’UE solo la scorsa settimana, a due giorni dalla decisione di adeguatezza, e non c’è dubbio che questo lancio abbia fatto seguito a discussioni con le autorità dell’UE.

C’è da chiedersi se queste trattative tra le big tech e le autorità dell’UE andranno a vantaggio degli utenti e dell’economia dell’UE. Non c’è dubbio che sia auspicabile un maggior livello di trasparenza su questi confronti. Nel frattempo, è senza dubbio un segnale positivo che i giganti tecnologici come Meta e Google stiano prendendo in considerazione le limitazioni normative previste dal quadro normativo dell’UE e non cerchino di replicare il modello di business che adottano negli Stati Uniti a livello globale senza alcuna localizzazione.

Su un tema simile, potrebbe trovare interessante il seguente articolo “Il Digital Markets Act è in vigore e vuole cambiare Internet“.

(Visited 123 times, 1 visits today)
Close Search Window