by

Con comunicato stampa dell’8 novembre 2023 è stato reso noto che il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE hanno raggiunto un accordo finale in merito al regolamento che introduce il cd. Digital Identity Wallet e che tale accordo ha ottenuto il parere favorevole da parte della Commissione europea.

L’accordo dell’8 novembre 2023 fa seguito all’accordo provvisorio che era stato raggiunto dal Parlamento e dal Consiglio dell’UE il 29 giugno 2023 circa gli elementi principali della proposta di regolamento relativo a un “quadro giuridico per un’identità digitale europea”. Trattasi della proposta di regolamento modificativo del regolamento (UE) n. 910/2014 in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno (eIDAS). La principale novità prevista dalla proposta di regolamento consisteva appunto nella previsione di un’applicazione mobile – il Digital Identity Wallet – in grado di consentire a tutti i cittadini, residenti e imprese dell’UE di accedere in modo affidabile, sicuro e nel rispetto della protezione dei dati personali ai servizi online pubblici e privati in tutta Europa.

La previsione di uno strumento quale il Digital Identity Wallet, evidenzia la Commissione, contribuisce in modo importante alla realizzazione degli obiettivi di digitalizzazione dei servizi pubblici previsti nell’ambito del “decennio digitale europeo”, ossia il programma strategico della Commissione europea che fissa traguardi e obiettivi per la trasformazione digitale dell’UE per il 2030.

Come si apprende dal comunicato stampa, anche le piattaforme online di grandi dimensioni designate dal regolamento sui servizi digitali e i servizi privati tenuti per legge all’autenticazione degli utenti dovranno accettare il Digital Identity Wallet come metodo di accesso ai loro servizi online.

Il Digital Identity Wallet potrà essere utilizzato anche per l’apertura di conti bancari e per effettuare pagamenti. Inoltre, tale app consentirà di accedere ai propri documenti digitali, come ad esempio patenti di guida, prescrizioni mediche, certificati professionali o titoli di trasporto, e potrà essere utilizzata anche ai fini dell’identificazione online.

Il testo del regolamento da ultimo concordato da Parlamento e Consiglio dell’UE – come reso noto nel comunicato stampa – stabilisce tra l’altro che (i) il Digital Identity Wallet comprenderà un pannello di controllo con tutte le operazioni accessibili al titolare dell’applicazione mobile; (ii) sarà possibile segnalare presunte violazioni della protezione dei dati, e (iii) sarà consentita l’interazione tra i Digital Identity Wallet.

Ora non resta che attendere l’approvazione formale dell’accordo finale da parte del Parlamento e del Consiglio, a seguito della quale è previsto che gli Stati membri dell’UE adottino i rispettivi atti di esecuzione volti a disciplinare le specifiche tecniche del Digital Identity Wallet. I “portafogli di identità digitale” dovranno poi essere forniti nei 24 mesi successivi l’adozione degli atti di esecuzione.

Su un simile argomento può essere interessante l’articolo “European Digital Identity Wallet: un’identità digitale unica per tutti i cittadini europei?”.

Autrici: Flaminia Perna e Matilde Losa

(Visited 51 times, 1 visits today)
Close Search Window