L’AGCom avvia il progetto di separazione della rete di accesso

L’AGCOM ha avviato un procedimento istruttorio di analisi coordinata dei mercati dei servizi di accesso alla rete fissa.

Con delibera n. 637/20/CONS, adottata nella seduta dello scorso 26 novembre 2020, il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCom) ha disposto l’avvio (i) del procedimento istruttorio di analisi coordinata dei mercati dei servizi di accesso alla rete fissa ai sensi dell’articolo 50-ter del Codice delle Comunicazioni Elettroniche (“CCE”), relativo alla separazione volontaria di un’impresa verticalmente integrata e (ii) della consultazione pubblica concernente il progetto di separazione legale volontaria della rete fissa di accesso dell’operatore incumbent, notificato ad AGCom il 2 settembre 2020, come integrato da comunicazione del 25 novembre.

In estrema sintesi, il progetto di separazione della rete di accesso prevede la creazione della società separata – FiberCop – alla quale l’incumbent conferirà le infrastrutture passive della rete di accesso secondaria in rame e in fibra, insieme alla propria partecipazione detenuta nella società Flash Fiber (società il cui scopo è di costruire una rete in fibra ottica nelle principali 29 città italiane, esclusa Milano).

Il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, sulla base di un’analisi preliminare condotta dagli uffici dell’AGCom, ha ritenuto che il progetto di separazione legale possieda i requisiti di ammissibilità per l’avvio della procedura di analisi coordinata dei mercati relativi all’accesso. Come ricorda l’AGCom, a seguito di tale analisi, l’Autorità è tenuta a decidere se imporre, mantenere, modificare o rimuovere gli obblighi regolamentari. Il termine del procedimento istruttorio avente ad oggetto l’analisi coordinata dei mercati dei servizi di accesso alla rete fissa è fissato in 180 giorni dalla pubblicazione della delibera n. 637/20/CONS, ossia il 14 dicembre 2020.

Come si legge nel documento oggetto della consultazione pubblica, allegato alla delibera n. 637/20/CONS, la predetta “valutazione preliminare” dell’Autorità richiede adesso “un ulteriore approfondimento, mediante un confronto con il mercato”. La consultazione pubblica avviata dall’Autorità sul progetto di separazione è dunque finalizzata ad “iniziare ad acquisire da subito le prime osservazioni degli operatori” sul progetto di separazione, per poi – sulla base degli esiti della consultazione – sottoporre a consultazione pubblica lo schema di provvedimento di analisi coordinata “che descriverà anche il contesto concorrenziale aggiornato”.

I quesiti posti dall’Autorità nel contesto della consultazione pubblica sono riportati nell’Allegato B alla delibera in esame.

Sullo stesso argomento, può essere interessante l’articolo “L’AGCOM ritiene ammissibile il progetto di separazione della rete d’accesso”.