Italian DLA Piper Intellectual Property and Technology Legal Predictions for 2022

Il dipartimento italiano di Intellectual Property and Technology dello studio legale DLA Piper ha pubblicato (per il quarto anno consecutivo!) le predictions legali per il 2022 con riferimento ai settori principali in cui opera, arricchite da un sondaggio che ha coinvolto più di 50 aziende.

Le predictions per il 2022 sono state discusse l’8 febbraio 2022 nell’ambito di un webinar con un panel di altissimo livello con Maria Francesca Portincasa di Lamborghini, Angelica Marchese di Capgemini, Ilaria Musco di DAZN che riviviamo in questo podcast. Trovate di seguito la registrazione dell’evento

Inoltre, potete riascoltare l’evento in formato podcast di seguito e su Apple PodcastsGoogle PodcastsSpotify e Audible

Le predictions per il 2022 di DLA Piper sono disponibili QUI. Rispetto ai contenuti, le predictions di DLA Piper su Intellectual Property and Technology nel 2021 si intitolavano “Back to the Future”. Le aziende speravano di aver superato la pandemia e che saremmo tornati a come era prima di COVID-19. Sapevano di dover cambiare il loro modello di business in un mondo la cui trasformazione digitale era stata accelerata dall’epidemia di COVID-19, ma il percorso effettivo verso il successo era ancora un puzzle.

Sfortunatamente, la pandemia è ancora lontana dalla fine, e l’incertezza precedente sta maturando verso il riconoscimento della nuova normalità. I clienti, i dipendenti e le abitudini e le operazioni delle aziende si sono evoluti, e non c’è modo di tornare a dove eravamo nel 2019/20.

Solo il 16% degli intervistati al nostro sondaggio ha mantenuto la propria offerta come era prima della pandemia. Le aziende stanno investendo nella trasformazione digitale, nell’AI e nell’apprendimento automatico che permetterà loro di gestire meglio il rapporto a distanza con i clienti, che sono diventati rapidamente più istruiti digitalmente. L’investimento aiuterà anche a guidare l’efficienza dei dipendenti, che ora hanno meno probabilità di dover fare i pendolari e vogliono raggiungere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Identificare l’equilibrio appropriato tra un rapporto remoto e uno personale sarà un game-changer, dato che il 36% dei nostri intervistati ha sottolineato che il ritmo dello sviluppo tecnologico potrebbe essere una minaccia per il loro business.

Le persone sono stanche delle lunghe videochiamate, ma allo stesso tempo non accettano più di stare in coda per ore e rinunciare ai loro interessi personali. Sembra essere il momento perfetto per “rimanere affamati“, poiché è probabile che ci siano grandi opportunità là fuori, ma anche per “rimanere folli“, per citare Steve Jobs, poiché trovare la giusta miscela per guidare il successo non è mai stato così difficile da individuare. Se pensiamo, per esempio, all’ascesa delle criptovalute e dei progetti legati all’NFT negli ultimi mesi, questo sarebbe sembrato impossibile solo pochi anni fa.

Il recovery fund sarà di grande supporto per guidare il cambiamento. Più della metà dei nostri intervistati si aspetta che gli investimenti dietro il fondo di recupero portino ad un miglioramento del loro business, anche se i tempi effettivi di questi miglioramenti sono ancora sfocati. Ma, secondo quasi tre quarti dei nostri intervistati, sono necessarie modifiche al quadro normativo per sfruttare appieno queste opportunità, che rischiano di rimanere impigliate in pezzi di legislazione che non sono al passo con l’innovazione.

I governi stanno cercando di rinunciare ai limiti alla crescita delle imprese, ma è un processo che potrebbe richiedere tempo. Identificare il giusto equilibrio tra innovazione e compliance sarà cruciale nel 2022 in un contesto in cui un’azienda dovrà affrontare le nuove regole dell’UE sulla protezione dei consumatori che influenzeranno le loro operazioni, i servizi dei media audiovisivi, le pratiche sleali nel settore agroalimentare e i cookie, per citarne alcuni. Inoltre, la tempistica della regolamentazione UE dell’intelligenza artificiale e dei suoi obblighi sarà anche un’altra questione aperta che potrebbe far prendere alle imprese un approccio a lungo termine considerando le sue disposizioni nello sviluppo di nuovi prodotti.

Circa il 33% degli intervistati considera i potenziali cyber-attacchi una minaccia importante per il loro business. Nell’ultimo anno, grandi aziende ed enti pubblici hanno subito attacchi ransomware che hanno paralizzato le loro attività, portando a grandi effetti sulle loro operazioni che sono state congelate per settimane e sfide da parte dei regolatori per la violazione delle leggi sulla protezione dei dati e dei clienti i cui dati erano stati raccolti. Una famosa citazione di John Chambers, l’ex CEO di Cisco, è: “Ci sono due tipi di aziende: quelle che sono state violate e quelle che non sanno di essere state violate“. Le aziende credono ancora che la soluzione più efficiente per proteggersi dai cyber-attacchi sia investire in misure di sicurezza, ma la maggior parte degli attacchi sono dovuti a casi di errore umano, che sono aumentati con il lavoro a distanza a causa della pandemia. Al contrario, le aziende faticano a vedere il valore della conformità alla cybersecurity, che è esponenzialmente rilevante in un ambiente in cui la cybersecurity è sempre più regolamentata.

È un momento eccitante e allo stesso tempo preoccupante per le imprese. Speriamo che troverete interessanti le predictions 2022 del Dipartimento di Intellectual Property and Technology di DLA Piper, e vi lasciamo con una citazione di Albert Einstein che riflette l’approccio del nostro team al business: “Everyone knew it was impossible until a fool who didn’t know came along and did it.“.