Le sale LAN da esports diventano soggette a regole transitorie

L’istituzione di regole transitorie per le sale da gioco LAN dedicate agli esports in Italia ha lo scopo di guadagnare tempo per stabilire un nuovo quadro normativo per il mercato.

In un precedente articolo (Il mercato degli esports è a rischio con sequestri per un errore interpretativo della normativa?), avevamo discusso dell’azione intrapresa dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ADM, nei confronti di alcune sale da gioco LAN dedicate agli esports che ha portato al sequestro non solo di simulatori di esports, ma anche di alcuni PC e console che si possono trovare in qualsiasi casa.

L’azione dell’autorità ha sollevato un’ondata di proteste da parte degli operatori del settore, poiché rischia di mettere a repentaglio l’intero mercato italiano degli esports, che sta crescendo rapidamente, anche grazie alla visibilità acquisita durante la pandemia.

È stato un periodo frenetico che ha raggiunto una notevole copertura mediatica. ADM ha probabilmente riconosciuto che le regole stabilite per gli apparecchi da intrattenimento senza vincita in denaro non si adattano alle console e ai simulatori di esports.  Per questo motivo, ha cercato di trovare una soluzione transitoria.

Secondo una circolare pubblicata di recente, un regime transitorio si applicherà agli apparecchi da esports che rientrano nella definizione di “apparecchi che consentono il gioco connesso a distanza, a condizione che siano dotati di elementi hardware o software specifici che impediscono la libera navigazione in rete, consentendo solo la connessione a piattaforme online, destinate esclusivamente al gioco senza vincite in denaro“. Queste regole transitorie si applicheranno a partire dal 1° luglio 2022, secondo le regole introdotte da un decreto direttoriale di prossima emanazione che imporrà ai gestori delle sale da gioco di esports di ottenere l’autorizzazione del Comune di appartenenza applicabile alle “attività di spettacolo viaggiante” per poter operare.

Questa autorizzazione ha una portata più ampia di quanto sembrerebbe dalla terminologia utilizzata. Tuttavia, si tratta essenzialmente di una soluzione transitoria che consente al regolatore di guadagnare tempo per redigere il nuovo quadro normativo per il settore.  Inoltre, non si può applicare ai giochi da esports con vincita in denaro che potrebbero rientrare nelle norme sul gioco d’azzardo se non strutturati correttamente.  Allo stesso modo, il regime transitorio si applica solo ai giochi da esports nelle sale da gioco terrestri, mentre per le competizioni di esports online si dovranno trovare altre soluzioni per evitare l’applicabilità del regime di gioco d’azzardo.

In base alle discussioni intraprese con ADM, sembra che abbiano compreso la debolezza di un regime di autorizzazione o approvazione locale oneroso che limiterebbe il potenziale degli esports e spingerebbe gli investimenti verso altre giurisdizioni.  Si spera che ci sia un processo di consultazione per elaborare regolamenti che bilancino i diversi interessi in gioco. Una lezione potrebbe venire dal regime di altre giurisdizioni, dove la tendenza è sempre stata quella di rinunciare ai confini per creare un ambiente in cui gli esports possano crescere liberamente.

Per saperne di più sulle normative in materia di esports in altre giurisdizioni, è possibile consultare il nostro rapporto “DLA Piper Esports Laws of the World“.