by

Nell’ambito della riforma fiscale è prevista una riforma innovativa che introduce significativi cambiamenti normativi nel settore del gambling in Italia.

La riforma fiscale conferirà al Governo il potere di stabilire nuove regole per il settore del gambling, confermando il regime di concessioni e autorizzazioni come modello organizzativo per il gioco e stabilendo principi e criteri guida per la sua riorganizzazione.

La riforma darà priorità all’attuazione di misure tecniche e normative per proteggere i giocatori più vulnerabili.  Queste misure comprendono la riduzione dei limiti di scommessa e delle vincite, la formazione continua dei gestori e degli operatori, il rafforzamento dei meccanismi di autoesclusione e l’introduzione di caratteristiche minime per le sale da gioco.

Inoltre, la riforma razionalizzerà la distribuzione territoriale e numerica delle sale da gioco fisiche e introdurrà sistemi di gioco a distanza non modificabili.  Questa soluzione garantirà che i giocatori giochino sempre in un ambiente sicuro e controllato.

Oltre a queste misure, la riforma combatterà il gioco illegale e le infiltrazioni criminali aumentando la trasparenza e i requisiti KYC per gli individui coinvolti nel settore.  Garantirà inoltre che i comuni abbiano voce in capitolo nella pianificazione e nell’autorizzazione delle sale da gioco, tenendo conto della distanza dai luoghi sensibili in tutto il Paese.

Nel complesso, il settore del gambling è destinato a subire una trasformazione significativa che darà priorità alla sicurezza dei giocatori e promuoverà pratiche di gioco responsabile. Tuttavia, la domanda principale è se tali cambiamenti saranno mai attuati. In effetti, il governo italiano, almeno nell’ultimo decennio, ha tentato in più occasioni di riformare il settore del gioco. Ma la pressione politica dei comuni che non volevano rinunciare alla loro discrezionalità e degli operatori non ha portato ad alcun cambiamento sostanziale.

Vale la pena ricordare, tuttavia, che il livello dei controlli sulle operazioni di gioco nel mercato del gambling italiano è notevolmente più elevato rispetto ad altre giurisdizioni, grazie a sistemi in grado di monitorare a distanza sia le operazioni online che quelle terrestri. Tuttavia, la riforma del mercato del gioco dovrebbe modernizzare le normative e trovare un migliore equilibrio tra la protezione dei giocatori e la promozione del mercato.

Su un argomento simile, si può trovare il seguente articolo “Sanzione di € 750K contro Meta per violazione del divieto di pubblicità del gioco”.

(Visited 153 times, 1 visits today)
Close Search Window