Il MISE avvia la consultazione pubblica sulla strategia italiana per la blockchain e i registri distribuiti

Il MISE avvia le consultazioni pubbliche sulla strategia italiana per la blockchain e i registri distribuiti per rafforzare la leadership del Paese attraverso l’adozione di una strategia nazionale che per supportare la continua evoluzione tecnologica

Il Ministero dello Sviluppo economico (“MISE”) ha dato il via ad una consultazione pubblica sul documento di sintesi della strategia italiana per la blockchain e i registri distribuiti (“DLT”) con lo scopo di rafforzare la leadership del Paese, a livello europeo e globale, attraverso l’adozione di una strategia nazionale che sia in grado di indirizzare, incentivare e supportare la continua evoluzione tecnologica, applicativa e regolamentare di queste tecnologie.

A tal proposito, il MISE ha selezionato un gruppo di 30 esperti che hanno redatto un documento contenente delle “Proposte per una strategia italiana in materia di tecnologie basate sui registri condivisi e Blockchain” volte ad incentivare lo sviluppo e la diffusione di tali tecnologie. Il documento contiene un insieme di raccomandazioni indirizzate al raggiungimento dei seguenti obbiettivi:

  1. dotare l’Italia di un quadro regolamentare competitivo nei confronti degli altri paesi;
  2. incrementare gli investimenti, pubblici e privati, nelle blockchain, nelle DLT e nelle tecnologie correlate (e., IoT, 5G);
  • proporre campi applicativi della tecnologia al fine di indirizzare correttamente i possibili investimenti, in coerenza con i settori chiave dell’economia Italiana;
  1. migliorare efficienza ed efficacia nell’interazione con la pubblica amministrazione tramite l’adozione del principio Once-Only e della decentralizzazione;
  2. favorire la cooperazione europea ed internazionale tramite adozione di una comune infrastruttura europea da parte dell’European Blockchain Systems Infrastucture;
  3. utilizzare la tecnologia per favorire la transizione verso modelli di economia circolare, in linea con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile; e
  • promuovere l’informazione e la consapevolezza della blockchain e della DLT tra i cittadini.

All’interno del documento vengono individuate una serie di policy e strumenti idonei a favorire lo sviluppo, l’applicazione e l’adozione, da parte di imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, delle tecnologie basate sulla blockchain e sui registri distribuiti, insieme ad alcune indicazioni circa le priorità e le direzioni su cui focalizzare il sostegno finanziario, l’attività formativa ed informativa, la definizione e lo sviluppo del quadro regolamentare.

La sintesi del documento rimarrà in consultazione pubblica dal 18 al 20 luglio 2020, con la finalità di raccogliere osservazioni, suggerimenti o ulteriori elementi utili al fine di potenziare la strategia nazionale per la blockchain e i registri distribuiti.