Avviata una indagine conoscitiva relativa ai servizi offerti sulle piattaforme online da parte dell’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni

L’indagine è volta a raccogliere informazioni relative ai servizi forniti dalle piattaforme online al fine di realizzare una mappatura dell’attuale ecosistema digitale. L’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) ha avviato una indagine conoscitiva concernente i servizi offerti sulle piattaforme online finalizzata a realizzare una mappatura dell’attuale ecosistema digitale. L’iniziativa è volta a raccogliere utili elementi sul mondo delle piattaforme online anche alla luce delle recenti iniziative normative lanciate nell’ambito della strategia per plasmare il futuro digitale dell’Europa, tra le quali rientrano il Digital Services Act, Digital Market Act e l’European Democracy Action Plan.

L’AGCOM ha ravvisato l’esigenza di proporre questa indagine alla luce del ruolo fondamentale svolto dalle piattaforme online per la fruizione di servizi offerti su internet e dell’importanza che queste stanno assumendo nell’economia digitale, anche e soprattutto a seguito degli eventi connessi alla pandemia da Covid-19. In tal senso, l’AGCOM sottolinea come i profondi mutamenti nelle modalità e nelle alternative di fruizione dei contenuti e dei servizi, nonché nelle condizioni di scambio e condivisione di risorse e dati da parte degli utenti, stiano determinando una significativa modificazione non solo delle condizioni competitive presenti sul mercato, con ripercussioni sulla catena del valore e sull’intero ecosistema digitale, ma anche sui diritti degli utenti.

L’obiettivo dell’indagine pertanto è di raccogliere informazioni utili a classificare i servizi offerti sulle piattaforme online andando ad individuare le tipologie di problematiche e gli effetti che questi potrebbero produrre nei campi della democrazia, dell’informazione, dei diritti e dell’economia. In particolare, attraverso questa indagine l’AGCOM mira a:

  • definire il quadro normativo esistente sul versante dei servizi digitali e delle piattaforme online;
  • individuare i più rilevanti plessi tematici su cui concentrare l’attenzione;
  • selezionare, con approccio comparativo, eventuali best practices esistenti in altri ordinamenti giuridici; e
  • ispirare la formulazione di nuove metodologie, indirizzi e strategie da parte dell’AGCOM nel contesto regolamentare digitale.

L’indagine si articolerà in diverse linee di attività che ricomprenderanno, in primo luogo, la mappatura dei servizi infrastrutturali esistenti sul mercato insieme all’individuazione delle problematiche generate da o associate a ciascuna tipologia di servizio e del quadro normativo nazionale, europeo ed internazionale di riferimento, per poi realizzare, in un secondo momento, una ricognizione e comparazione degli interventi legislativi, regolamentari o giurisprudenziali attualmente in essere in ciascuno Stato membro e nel contesto internazionale.

Il termine di conclusione dell’indagine conoscitiva è di 180 giorni dalla data di pubblicazione della delibera sul sito dell’AGCOM.

Su di un simile argomento, può essere interessante l’articolo “Le proposte di Digital Services Act e di Digital Markets Act per riformare i servizi online nell’Unione europea”.