Consultazione sulla risoluzione di controversie tra utenti e operatori di comunicazioni elettroniche

Con delibera n. 208/21/CONS, l’AGCom ha avviato una consultazione pubblica in merito alle proposte di modifica del Regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie tra utenti e operatori di comunicazioni elettroniche.

Il testo vigente del Regolamento è quello adottato con la delibera 203/18/CONS, come modificato dalla successiva delibera 353/19/CONS. La più rilevante modifica introdotta con questa delibera è stata l’introduzione dei “Soggetti accreditati”, ossia soggetti abilitati a presentare le istanze e a gestire le procedure in nome e per conto degli utenti interessati. L’AGCom ha ritenuto di individuare tali “Soggetti accreditati” nelle Associazioni di consumatori rappresentative a livello nazionale iscritte nell’elenco di cui all’art. 137 del Codice del Consumo, istituito presso il MISE, e negli Avvocati registrati sull’apposita piattaforma ConciliaWeb. Successivamente, con la delibera 670/20/CONS, l’Autorità ha apportato alcune modifiche al regolamento applicativo sulle procedure di risoluzione delle controversie tramite la piattaforma ConciliaWeb.

Con il primo quesito formulato nel Documento di Consultazione, di carattere generale, si chiede ai partecipanti alla consultazione se sia opportuno apportare “accorgimenti” alla procedura e, in caso positivo, quali e le motivazioni sottese.

I restanti quesiti, più specifici del primo, sono relativi al possibile ampliamento della categoria dei “Soggetti accreditati”, ritenendo l’Autorità di poter valutare “l’eventuale allargamento dei soggetti da ricomprendere nel novero dei Soggetti accreditati, al fine di garantire la presenza diffusa di figure professionali che possano essere d’ausilio per gli utenti sprovvisti di adeguata dimestichezza con gli strumenti digitali, ma al contempo anche la individuabilità di tali soggetti intermedi nell’ambito di categorie che, in virtù di un vaglio istituzionale preventivo, possano fornire adeguate garanzie circa l’attività svolta”.

In particolare, si chiede ai partecipanti alla consultazione se sia opportuno o utile:

  1. ricomprendere nella definizione di “Soggetto accreditato” “altre tipologie di Associazioni o altri enti esponenziali degli interessi degli utenti/consumatori”, oltre alle Associazioni di consumatori rappresentative a livello nazionale iscritte nell’elenco istituito presso il MISE;
  2. che gli Avvocati possano “delegare altre figure professionali allo svolgimento delle procedure sulla piattaforma”, oltre ai Praticanti legali abilitati che possono già essere delegati allo scopo;
  • ricomprendere tra i “Soggetti accreditati” sulla piattaforma ConciliaWeb anche altre categorie professionali e, in caso affermativo, quali.

Su un simile argomento può essere interessante l’articolo “Il tentativo obbligatorio di conciliazione nelle controversie tra utenti ed operatori di telecomunicazioni è condizione di procedibilità della domanda”.