L’UIBM conferma la riapertura del bando marchi+

L’UIBM conferma la riapertura dei bandi MARCHI+, DISEGNI+ e BREVETTI+ per l’annualità 2021, come preannunciato nelle Linee di intervento strategiche sulla proprietà industriale per il triennio 2021-2023”.

Coerentemente con le osservazioni emesse in sede di consultazione pubblica sulle predette Linee strategiche, L’UIBM ha confermato la riapertura dei bandi MARCHI+, DISEGNI+ e BREVETTI+ per l’annualità 2021. Tra le altre, sono state isnerite delle novità in relazione ai requisiti di accesso e alle agevolazioni concedibili. Ad esempio, rispetto alle misure MARCHI+ e DISEGNI+ si rileva l’introduzione di una nuova procedura telematica di presentazione delle domande, che renderà più agevole l’accesso per le imprese, anche alla luce della maggiore uniformità rispetto a quella di Brevetti+.

Le risorse messe a disposizioni sono pari a 38 milioni di euro, di cui 23 milioni per Brevetti+, 12 milioni di euro per Disegni+ e 3 milioni di euro per Marchi+.

In particolare, il bando MARCHI+ si propone di supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero mediante agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale. Due le misure agevolative previste: i) Misura A: volta a favorire la registrazione dei marchi dell’Unione europea presso l’EUIPO (Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale); ii) Misura B: volta a favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale).

Il soggetto gestore è Unioncamere, che curerà gli adempimenti tecnici e amministrativi riguardanti l’istruttoria delle domande e l’erogazione delle agevolazioni. I soggetti beneficiari saranno invece le imprese che, alla data di presentazione della domanda di partecipazione, siano in possesso, a pena di esclusione, dei requisiti elencati nell’articolo 3 del Bando in questione. A riguardo, si sottolinea la dimensione di micro, piccola o media impresa – come definita nell’allegato 1 del Regolamento (UE) n. 651/2014 –, l’aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2018, il deposito della domanda di registrazione presso l’EUIPO o l’OMPI e il pagamento delle relative tasse, nonché l’aver ottenuto la registrazione presso EUIPO o la pubblicazione della domanda di registrazione sul registro internazionale dell’OMPI. In ogni caso, la registrazione dovrà essere antecedente la presentazione della domanda di partecipazione. Si ricorda altresì che i requisiti dovranno sussistere, a pena di esclusione, fino al momento dell’erogazione dell’agevolazione.

Tra le spese agevolabili vi sono quelle sostenute per le tasse di deposito e/o per l’acquisizione dei servizi specialistici, quali la “progettazione della rappresentazione, assistenza per il deposito, ricerche di anteriorità, assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni seguenti al deposito della domanda di registrazione e le tasse di deposito” presso gli Uffici di riferimento.

La presentazione delle domande di partecipazione, a pena di esclusione, dovrà essere compilata esclusivamente tramite la procedura informatica e secondo le modalità indicate al sito www.marchipiu2021.it,. A pena di inammissibilità, la stessa dovrà essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente l’agevolazione. Si procederà fino all’esaurimento delle risorse disponibili, di cui il Soggetto gestore darà opportuna e tempestiva comunicazione dal sul sito già menzionato.

Su un simile argomento può essere interessante l’articolo “Linee di intervento strategiche sulla proprietà industriale 2021-2023 del MISE”.